Missione S. Martino Buon Albergo !

Carissimi sta per cominciare una nuova Missione Popolare! Questa volta saremo nei dintorni di Verona, precisamente a San Martino Buon Albergo.

La Missione è sempre un’esperienza di grazia da vivere insieme! Per questo vi aspettiamo agli incontri per GIOVANI dal 11 al 17 ottobre alle ore 21.00, presso il Teatro E. PERONI.

“Egli fissa un nuovo giorno…OGGI” (Eb 4,7).  Missione è lasciare le proprie comodità, rischiare per incontrare tutti ed annunciare che c’è una bella notizia: Dio non lascia l’uomo da solo!

Missione è Dio che viene a cercarti!

Per tutte le info: www.cosatimanca.it

Ti aspettiamo! A presto!

 

Sentirsi amati e benedetti da Dio !

Zaino in spalla, biglietti alla mano. Si riparte oggi come un anno fa ma con una motivazione diversa. Fare memoria durante il viaggio di cosa successe in marcia l’anno scorso mi aiuta ad avere il cuore ancora più grato dei doni ricevuti, per poter mettermi al servizio. Chissà cosa mi aspetta! Sarà duro e faticoso, ma anche pieno di Luce, la stessa che ho visto negli occhi dei guastatori durante la mia marcia. Sono stati proprio quegli occhi così luminosi a spingermi e ad accompagnarmi verso il cammino di bellezza di quest’anno fino ad arrivare a guastare. Mi dicevo che la fatica, il poco sonno, le tante persone non avrebbero potuto impaurirmi e distogliermi dal desiderio di ringraziare.

Fin dal primo giorno di marcia abbiamo lavorato e sudato, e ben presto abbiamo imparato a far diventare il servizio preghiera. Perché abbiamo scoperto che da un piccolo sì, detto con il cuore e con le opere Dio avrebbe potuto fare grandi cose, perché nulla è impossibile a Dio.
La sveglia presto, le corse, gli imprevisti non ci hanno fermati perché Dio era con noi e sapevamo che solo in Lui avremmo avuto la forza per fare.
Dio è fedele in qualsiasi momento: quando stavo per cedere alla stanchezza, alla preoccupazione dell’imprevisto Lui si mostrava attraverso l’arrivo dei marciatori, la parola o un gesto di un fratello guastatore, quasi a dirmi “non temere”, ” io sono con te”.
Il momento migliore era l’arrivo dei marciatori in cui tutta la stanchezza veniva azzerata. Si ripartiva da capo con una nuova energia, pronti al servizio del fratello assetato, sudato e stanco che ti chiede solamente di essere dissetato e incontrato nelle proprie fatiche.
Guastare è stato fare una marcia parallela a quella dei marciatori che però mi ha permesso di vivere e gustare in pienezza e con una consapevolezza nuova la mia marcia. Con il cuore traboccante di gratitudine e di benedizione ho apprezzato tutte le piccole attenzioni che i guastatori hanno avuto nei miei confronti da marciatrice.
Da un passo oltre me, le fatiche e le paure a vivere un nome nuovo che Dio mi ha donato. Ho potuto scoprire un po’ alla volta durante i dieci giorni grazie alla Parola abbondante fattasi carne nella fraternità. Sentirsi amati e benedetti da Dio e dai fratelli per quello che sì è, per come si è e per quel poco che si fa è stata una grazia. Senza i guastatori miei fratelli in Cristo non sarei mai riuscita ad annullare le non-parole e i non-nomi e dare spazio al nome nuovo che Dio ha scelto per me. Non posso non ringraziare il Signore per tutto ciò.

Martina

4° Master di Pastorale Vocazionale

Dopo l’esperienza molto positiva di questi anni, viene riproposto il “master di Pastorale Vocazionale” rivolto a sacerdoti e religiosi/e che svolgono il ministero del discernimento e dell’accompagnamento vocazionale. Il Corso si terrà a Santa Maria degli Angeli, presso la Domus Pacis e si articolerà in tre settimane.

QUI TUTTE LE INFO

Ti basta la mia grazia!

“Ti basta la mia grazia; la mia potenza infatti si manifesta pienamente nella debolezza”

Quanto è difficile ammettere le proprie debolezze! Quanto è difficile dover chiedere aiuto, soprattutto a persone che non conosci, con cui stai condividendo solo un piccolo pezzo della tua storia, del tuo cammino!
Sono arrivato il 25 Luglio a Passignano sul Trasimeno, convinto che fossi assolutamente preparato a vivere l’esperienza della Marcia Francescana. Zaino professionale, medicinali per ogni evenienza, scarpette da trekking, un anno di allenamento e la convinzione che non sarebbe stata un’esperienza che avrebbe potuto mettermi in difficoltà. Fortunamente non è stato così. E “fortunatamente” perchè nelle mie debolezze, nei momenti di sconforto, quando pensavo di non farcela più, Lui mi è stato talmente vicino, mi ha mostrato una tale dolcezza e presenza che non potrò mai dimenticare.
La bellezza della marcia francescana è che, nonostante tutte le tue resistenze, ci sarà sicuramente quella giornata, quel momento, in cui abbandonando tutte i tuoi schemi, tue maschere, sei “costretto” a confrontarti con la parte di te più buia, che ti fa vergognare, che hai sempre tenuto nascosta. E questo succede nell’attimo in cui comprendi che da solo non puoi farcela, che devi chiedere aiuto a chi é in cammino con te.
Ho capito che non sarebbe stata un’esperienza facile già dal primo giorno di cammino, nella prima parte della mattinata, quella dedicata al silenzio personale. Il silenzio bisogna saperlo vivere. Bisogna lasciar lavorare la Parola dentro di te, farla entrare in profondità illuminando quelle parti di te che hai ignorato, messo da parte per troppo tempo. Durante una catechesi ci è stata posta la domanda “Vuoi guarire?” e mi sono reso conto subito che la mia risposta non era così scontata.
Ed era la domanda che mi risuonava continuamente nei momenti di silenzio, a cui non volevo né cercare né dare una risposta. Molte volte nella vita mi sono adagiato sulle mie difficoltà perchè avevo imparato a conviverci, nonostante mi facessero star male. L’idea di rompere quegli schemi che mi avevano aiutato a superare determinati momenti mi terrorizzava, quindi evitavo di pensarci, cercavo di riempire quelle ore con ogni pensiero possibile. Fortunamente il mio volere non è stato il Suo. E solo quando quel silenzio era diventato talmente assordante da diventare quasi insopportabile, sono riuscito a chiedere aiuto. Ho parlato delle mie difficoltà ai miei compagni marciatori, ai miei fratelli di cammino. Ho chiesto il loro sostegno nella preghiera per trovare il modo, il coraggio di affrontare finalmente quella domanda.
La loro risposta è stata davvero commovente. Il giorno successivo non mi hanno lasciato un attimo da solo, e mentre marciavamo, in silenzio, assolti nella meditazione, di continuo vedevo i loro occhi fissare i miei, sgranare il rosario con quel sorriso espressione di un sostegno discreto ma altrettanto reale. È grazie a loro che ho preso una delle decisioni più edificanti della mia vita: mettermi davanti al Signore con tutto me stesso, senza nascondere più niente, senza cercare di apparire perfetto ai Suoi occhi, ammettendo i miei limiti e quindi la mia umanità.
È arrivato così il giorno più atteso, quello delle confessioni, il centro dell’intera esperienza. Avevo finalmente preso la decisione di voler guarire, pronto ad accogliere qualsiasi conseguenza questa scelta avesse posto sul mio cammino. Con la testa bassa e il volto rosso, finalmente, per la prima volta, sono stato sincero davanti a quel Gesù che aveva aspettato e desiderato quel momento da quando mi aveva pensato. E così minuto dopo minuto sono riuscito a liberarmi di tutti quei macigni che avevo tenuto per me, che avevo sempre nascosto: ho finalmente permesso al Suo amore di entrare e far luce dentro di me. E le lacrime della mia sofferenza si sono trasformate subito in lacrime di gioia, quando ho capito finalmente che non potevo portare da solo quel peso, che finalmente avevo accettato di farmi aiutare da quell’amico che era sempre stato presente, che aveva sofferto con me per tutto quel periodo, che era felice molto più di me di vedere finalmente un figlio deciso a porre una pietra sopra agli errori del passato per ripartire, insieme, nella consapevolezza che il peccato non ti può definire, che gli errori commessi non possono determinare la persona che sei e che sarai.
E così il giorno dopo mi sono rimesso in cammino, e quanto ho goduto di quel silenzio. È stato come quando riscopri un rapporto, quando hai finalmente chiarito con un amico e hai abbandoato tutti quei pregiudizi che ponevano soltanto limiti sterili al vostro rapporto. E così quel silenzio insopportabile è diventato il luogo del dialogo, dove ho riscoperto la bellezza di stare con il Signore, dove finalmente potevo essere me stesso, pieno di ferite e di difetti, ma senza sentire più il bisogno di nasconderli o negarli.
E sono arrivato così in Porziuncola. Il mio cuore traboccava di gioia perchè ero consapevole che avevo lasciato lungo quei 137km un vecchio Angelo, per trovarne uno nuovo, capace di chiedere aiuto, consapevole di non essere più da solo, un Angelo rinnovato, RISORTO.

Angelo.

AMARE è servire, servire è AMARE!

È giovedì 4 marzo, alzo la tapparella della mia camera e vedo il piazzale di casa mia completamente innevato. Penso subito: “Bene, oggi arrivare ad Assisi sarà un’impresa!”. La mia previsione non è stata smentita, arrivo in stazione a Modena e il treno che avrei dovuto prendere è stato cancellato causa maltempo, così come i seguenti. Dentro di me pensavo solo: “Evidentemente dietro a questo servizio c’è qualcosa di veramente grande! Bene, allora non posso mollare!”. Dopo più di 9 ore riesco ad arrivare ad Assisi e scorgendo la facciata di Santa Maria degli Angeli tutte le fatiche svaniscono in un lampo: sono finalmente arrivato!
Non sapevo ancora cosa aspettarmi da questa esperienza perché non avevo mai fatto un servizio da solo e non conoscevo gli altri ragazzi; ero un po’ spaventato ma avevo anche una gran carica.
Sentivo il bisogno di stare li, di fare un’esperienza di Dio e con Dio anche se non mi sentivo all’altezza.
Ero già stato in precedenza ad Assisi, ma solo per frequentare i corsi tenuti dal SOG e non pensavo che il servizio sarebbe stato a sua volta un altro “corso nel corso” caratterizzato da momenti di fraternità, di lettura della Parola e di condivisione.

Ho sperimentato ancora una volta il Suo amore, perché attraverso il dono del proprio tempo e delle proprie energie ti rendi conto di quanto è importante la gratuità: infondo Gesù si è donato a noi gratuitamente e tutta la sua vita è stata un servizio verso l’umanità. Sperimentare anche solo un assaggio di questa bellezza ti rende felice, amato e soprattutto ti rende figlio di Dio.
In questi giorni sono riuscito finalmente a capire le parole di Gesù quando rivolgendosi a Marta diceva: “Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una sola c’è bisogno”, li il Signore mi ha fatto capire di quanto sia importante passare attraverso un sepolcro per prendere la parte migliore, di quanto la Sua presenza sia veramente fondamentale per il cammino dell’uomo perché Lui non cerca servitori ma veri amici. Ho riscoperto l’importanza del dono dei fratelli: ho conosciuto infatti altri ragazzi, ognuno con la propria vita e le proprie storie, ma eravamo tutti in piena comunione. In questo tempo mi sono sentito a casa, accolto e accettato per quello che sono e non avrei mai immaginato che alla fine avrei ricevuto più di quello che ho dato.
Ho capito che amare vuol dire servire e che attraverso il servizio si può amare in modo smisurato!
Torno a casa più consapevole del fatto che lasciar fare a Lui vuol dire giocarsi la vita per un amore più grande, sconfinato ed eterno!

Joele

DALLA FRAGILITA’ NASCE SEMPRE BELLEZZA

Tutto è incominciato ai primi di gennaio quando, un po’ per curiosità e un po’ perché sentivo il bisogno di vivere un’esperienza nuova, mi sono iscritta al corso Tu sei il sogno di Dio.
Non avevo la minima idea di cosa sarebbe stato ma ho deciso di fidarmi e provare.
Sono sempre vissuta in una famiglia molto religiosa e fin da piccola sono stata abituata a partecipare alle Funzioni domenicali. Tuttavia nell’ultimo periodo mi sentivo totalmente distaccata da quella realtà, non trovavo più senso nelle parole che ascoltavo ogni domenica.
Sono arrivata ad Assisi fragile e vulnerabile, colma di infiniti dubbi.
Qui ho ascoltato parole che mi hanno cambiata, hanno ricucito ogni singolo pezzo di me.
Ho capito che noi siamo stati creati per vivere, non per noi stessi ma per gli altri. La nostra vita, così com’è, con tutte le possibili imperfezioni in realtà è un dono per chi ci sta accanto.
Ogni giorno ascoltavo parole profonde che parlavano di me, arrivavano dritte al cuore. Ho imparato che nella vita dobbiamo puntare lo sguardo sempre in alto, sempre un po’ oltre a tutto ciò che il mondo vuole farci credere. Solo così possiamo vivere all’altezza dei nostri sogni. Ho preso consapevolezza che l’amore di Dio è immenso perché non importa quanti difetti ci portiamo dentro, Lui ci ama così come siamo perché “dalla fragilità nasce sempre bellezza.”
Quella ad Assisi per me è stata “un’ avventura” fantastica nella quale sono stata in contatto con nuove persone e mi ha insegnato quanto queste siano importanti, quanto un abbraccio, un sorriso, possano ricomporci.
Sono felice di averne preso parte perché ha sicuramente segnato un punto di svolta per me e auguro a tutti di poterla vivere.
Virginia

TU SEI IL SOGNO DI DIO!

Carissimi,

pace a tutti voi!

Qualche giorno fa è concluso il corso Tu sei il sogno di Dio!

Ringraziamo insieme il Signore per i tanti volti incontrati, le tante storie ascoltate, e soprattutto per tutte le vite che hanno ripreso nuovo slancio…

Proprio da qui, molti adolescenti si sono riappropriati del loro diritto ad osare nella vita con desideri GRANDI! Qualcuno è arrivato con il gruppo parrocchiale, altri con amici, altri contro voglia, altri ancora con l’inganno…ma tutti, nessuno escluso, portava dentro il desiderio irriducibile di una VITA PIENA!

Non siamo chiamati a restare fermi, ma a cercare, sognare, innamorarci e lasciarci amare…questo è quello che in questi giorni abbiamo cercato di trasmettere a tanti ragazzi venuti da tutta Italia!

Mostrami la tua via!

Carissimi fratelli e sorelle, sono sr. Rosa Maria Chiara. Insieme alle mie sorelle del Monastero Santa Chiara di Paganica, un paesino alle falde del Gran Sasso nella provincia di L’aquila, vi portiamo l’augurio di San Francesco e Santa Chiara: il Signore vi dia pace!

Mi è stata chiesta una testimonianza e sono ben felice di parlarvi della fedeltà di Dio, del Suo amore misericordioso, comprendendo che quanto Egli ha pensato per me da sempre, lo ha realizzato nell’oggi della mia vita, in questo essere figlia di Santa Chiara. Come molti di voi, anche io studiavo, avevo un fidanzato, facevo sport. Tutto nella mia vita procedeva con quella normalità del “così fan tutti”; avevo tutto, o meglio, pensavo di avere tutto. Eppure il mio cuore era inquieto, cos’era che mancava? Il Signore si servì proprio di questo ragazzo per propormi di conoscerlo più a fondo attraverso gli studi teologici: questa fu la prima chiamata.

Andavo scoprendo il volto di un Dio fino ad allora sconosciuto e mi andavo sempre più innamorando della Sua bellezza. “Com’è possibile – mi dicevo – Dio ci ama a tal punto da morire in croce per noi!”.

Il mio cuore e i miei occhi si andavano trasformando: guardavo questa mia storia d’amore e la scoprivo così povera, perché senza Dio. Provavo a coinvolgere il mio ragazzo, ma Dio era per lui un intruso, anzi un antagonista, che lo minacciava perché io stavo cambiando. Comprendevo che questa vita, preziosa perché dono di Dio, era una sola, un’altra possibilità non ci sarebbe stata; e in questa vita, Dio ci chiama a ricevere il suo amore, e a spenderla per Lui. E poi tanta gratuità di Dio allargava il mio cuore e cullavo il desiderio di potermi spendere per i miei fratelli, andare in missione.

Decisi di lasciare questo ragazzo, perché con lui non potevo condividere tutto questo: Dio non era al primo posto. Conobbi i frati, e questo fu un altro incontro importante, perché attraverso loro incontrai San Francesco. Li guardavo, mi dicevo: “Questi sono sempre contenti, ma perché? Com’è possibile essere attratti tanto da Dio da lasciare tutto, farsi poveri per seguirlo?” Questo mistero era tanto affascinante, ma anche tremendo.

Con i frati ho imparato a pregare le lodi e i vespri, preghiera che mi metteva in comunione con Dio. Lasciavo lo studio per questo appuntamento con Dio tanto atteso e desiderato. Fu proprio durante questa preghiera, che il Signore rompeva i miei schemi sicuri, di essere sposa di un uomo, madre di qualche figlio e missionaria in qualche terra.

Cosa vuoi che faccia, Signore? Qual è questo progetto che tu hai pensato per me da sempre? Ho paura che tu mi possa chiedere quello che non conosco, ma ho fiducia, voglio abbandonarmi, perché sei tu il regista della mia vita, il Tuo amore mi guidi”.

Cominciai a pregare sempre di più, e nel mio cuore inquieto c’era una preghiera che risuonava continua: mostrami Signore la tua via.

In questo periodo, i frati mi invitarono ad Assisi per accompagnare degli adolescenti ad un corso e fu lì, durante il sacramento della riconciliazione, che il Signore purificò il mio sguardo e il mio cuore per vedere il suo progetto: “Segui me, percorri la stessa via tracciata da Chiara d’Assisi, lascia tutto, sii povera e ti farò ricca di me, dammi tutto il tuo cuore, il tuo corpo, e realizzerò io il progetto che ho su di te. Ti farò mia sposa, ti farò madre di una moltitudine di genti e ti manderò per il mondo intero, per mezzo dello strumento povero della preghiera. Sarò io stesso mani che accarezzano, sollevano, curano, gambe che camminano per annunciare il Vangelo. Tu sii cuore che pulsa d’amore per dare vita all’intero corpo che è la Chiesa”.

In Porziuncola, dopo aver abbandonato ogni resistenza, ho pronunciato il mio sì al Suo progetto. “Sì, sono piccola, è vero, ma questa non è opera mia, è opera Tua, Tu compirai in me questa promessa. Voglio amarti come Chiara, darti tutto, con cuore povero e libero”.

Per quel piccolo sì che la sua stessa grazia pronunciò in me, il Signore inondò il mio cuore di tanta gioia e tanta pace che compresi perché Francesco veniva chiamato pazzo: solo i pazzi, coloro che escono fuori schema, possono seguire Dio. Con la Parola, che confermava i miei passi, l’Eucarestia che nutriva il mio cammino e rendeva sempre più vero l’incontro con Gesù, il confronto con il Padre spirituale, il Signore mi donò la fraternità, le mie sorelle di Paganica, a condividere con loro il progetto di amarlo.

Non sono mai stata così libera come in clausura, perché davvero la preghiera è l’anima del mondo, che si irradia a partire dal piccolo chiostro del monastero.

Come in Maria, il Signore moltiplica la vita dentro e intorno a noi, in quanti si accostano alla grata, ed è incontro profondo con le persone, le loro storie, le loro sofferenze, e quando andiamo in coro, sia l’alba o il cuore della notte, le sorelle povere innalzano il loro canto: Ti adoriamo, Signore Gesù Cristo, qui e in tutte le chiese del mondo, e ti benediciamo, perché con la tua santa croce hai redento il mondo. Ti presentiamo Signore le gioie e le sofferenze di ogni uomo; benedici, salva tutti, e accogli il desiderio di felicità che grida nel cuore di ogni uomo, perché quando l’uomo vuole essere felice, è Te, Signore, che sta cercando.

La nostra avventura di clarisse a Paganica è stata attraversata dal violento terremoto del 6 aprile 2009 che con la distruzione della città dell’Aquila ha distrutto anche il nostro Monastero. Nel crollo è morta la nostra cara Madre Maria Gemma. La sua vita è stata come il chicco di grano che caduto in terra muore per portare molto frutto. Noi siamo rimaste miracolosamente vive.

Nella perdita di ogni cosa siamo entrate nel cuore del nostro essere Sorelle Povere perché le uniche cosa che ci sono rimaste sono state quelle  più preziose: Dio, la nostra sola ricchezza, la fraternità e l’aiuto dei fratelli che si sono fatti e si fanno mani e cuore della Provvidenza di Dio che si prende cura di noi ogni giorno. Il Signore ci ha preparato una casa dono di una raccolta pubblica fatta da tanti, nel piccolo Monastero di legno dove ancora attualmente viviamo in attesa di rientrare in Monastero a conclusione dei lavori di ricostruzione. Qui continuiamo a innalzare la nostra preghiera per tutti, ad accogliere quanti bussano alla porta del Monastero in cerca di silenzio e di ascolto e a costruire, insieme con Cristo, la speranza.

A voi tutti  buon cammino! Siate certi che la nostra preghiera accompagna fin d’ora i vostri passi, i vostri sogni di felicità, Il vostro desiderio di amore, perché possiate comprendere che il solo che può realizzare le vostre aspirazioni più profonde è Cristo, Signore nostro.

 

Ciao cari fratelli, guardate le stelle, le stiamo guardando anche noi.

Puntate in alto, puntate in Dio, lì ci ritroviamo.

San Francesco e Santa Chiara vi benedicano!

 

Sr. Rosa Maria Chiara

clarissa

NELLA TUA TERRA !

Carissimi buon anno a tutti!

Sono passati pochi giorni dalla bellisima festa di Capodanno passata insieme ma il ricordo dei bei momenti vissuti insieme arricchiscono i pensieri della giornata!

Il Signore è grande e lo manifesta ogni volta che gli concediamo un pezzo della nostra terra, della nostra quotidianità, per abitarla.

La festa di Capodanno è stata vissuta proprio così: cercando di lasciare a Dio lo spazio giusto per poter abitare il nostro tempo. Nell’ascolto, nella festa e nella preghiera.

Con l’augurio che ciascuno di noi possa diventare abitazione bella e gradita a Dio, la nostra fraternità del SOG vi augura un felice 2018.

Alleghiamo il video della catechesi e della messa di capodanno con alcune foto.

 

 

 

 

 

 

 

Calendario Corsi 2018-2019

Per Iniziare un cammino di fede

Corso Zero
per ricominciare un cammino cristiano

  • 01-04 novembre 2018
  • 03-06 gennaio 2019
  • 25-28 aprile 2019
  • 8-11 agosto 2019
  • 31 ottobre-3 novembre 2019

Marcia Francescana
per fare esperienza del perdono del Padre

  • 25 luglio – 4 agosto 2019

Canto nella notte
ascolto e preghiera nei luoghi di Francesco

  • 15-16 giugno 2019

Capodanno in Assisi
ringraziamo insieme il Signore per l’anno appena trascorso e affidiamo solo a Lui il nostro avvenire

  • 31 dicembre 2018 – 01 gennaio 2019

Tu sei il Sogno di Dio
per giovanissimi (16 – 18 anni)

  • 02-05 marzo 2019
  • 20-23 giugno 2019

Per coltivare la relazione con Dio e imparare a conoscere sé stessi

Corso Amare come…
itinerario per la conoscenza di sé e di Dio

  • Corso GIACOBBE 8-10 marzo 2019
  • Corso MADDALENA 10-12 maggio 2019

Corso Fidanzati
fondamenti biblici dell’amore

  • 25-28 ottobre 2018
  • 24-27 gennaio 2019
  • 04-07 aprile 2019
  • 11-14 luglio 2019
  • 24-27 ottobre 2019

Triduo Pasquale
per passare dal buio alla luce della Pasqua

  • 18-21 aprile 2019

Per approfondire la propria fede e scoprire il progetto di Dio nella propria vita

Corso Vocazionale
ogni vita è vocazione

  • 30 settembre-05 ottobre 2018
  • 04-09 dicembre 2018
  • 26-31 dicembre 2018
  • 16-21 aprile 2019
  • 15-20 agosto 2019
  • 23-28 agosto 2019
  • 01-06 ottobre 2019
  • 03-08 dicembre 2019
  • 26-31 dicembre 2019

Corso Seguimi
per un cammino di discepolato

  • 15-20 agosto 2019

Corso Agape
per coppie di fidanzati orientati al matrimonio

  • 22 novembre – 25 novembre 2018
  • 14 febbraio – 17 febbraio 2019
  • 30 maggio – 02 giugno 2019
  • 28 novembre – 01 dicembre 2019

per info ed iscrizioni contattare direttamente la DOMUS PACIS allo 0758043530